Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

PESCA E AGRUMI

Il nucleo urbano originario è da ricercarsi nell'attuale "contrada mare" o “Marina di Torrenova”, con un sistema dispositivo a pettine, composto da un lungo e dritto asse viario parallelo alla linea di costa e da una serie di collegamenti perpendicolari in direzione del mare. Questi vicoli si concludono sullo stesso allineamento, che doveva costituire l'antica linea di battigia, servivano ai pescatori per stendere le reti e per tirare le barche a terra, oltre che per proteggere le abitazioni, data la posizione nelle vicinanze del mare, dai forti venti e dalle burrasche, come sta ad indicare anche la costruzione di un muro, edificato a protezione del quartiere dalle mareggiate. L'economia del paese, si basava prevalentemente su due attività: la coltivazione, lavorazione ed esportazione degli agrumi e la pesca. Mentre la seconda attività andò via dissolvendosi a causa delle forti ondate migratorie degli abitanti verso l'Australia, la prima anche grazie all'estensione della piana Torrenovese, che si prestava a questo tipo di coltivazioni, continua ad esistere e si possono contare numerose attività di lavorazione ed esportazione degli agrumi.