Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

PESCA TURISMO

Questa parte è dedicata a chiunque vuole avvicinarvisi al mondo della pesca per scoprirne i segreti. Il pesca-turismo è il modo migliore per realizzare questo desiderio, ed è allo stesso tempo il più realistico e vero per capire, al di là delle finzioni patinate spesso propinate ai turisti, come si vive per mare. In questa nostra finestra nel mondo della pesca, vogliamo mostrarvi le meraviglie delle nostre coste, farvi comprendere le ragioni della scelta del pesca-turismo, guidarvi in itinerari che vanno dalla spiaggia al mare, perché anche questa guida possa farvi apprezzare sempre più le bellezze naturali della nostra Sicilia. Un patrimonio di cultura, di tradizioni, uno stile di vita in cui si fondono sapori e profumi, conoscenza ed intuizione, leggende e natura, che, ci auguriamo, possa essere condiviso con voi. Grazie alla collaborazione e alla disponibilità di alcune famiglie di pescatori santagatesi, nei mesi estivi, troverete tutte le informazioni necessarie per accostarvi al meraviglioso mondo dei pescatori.  

IL PORTO
ll porto si trova ad ovest del lungomare, nella zona di punta Lena. La ripresa dei lavori per il prolungamento della diga foranea del molo di sopraflutto, dopo decenni di fermo, rappresenta la prima pietra verso il sospirato completamento di una delle grandi opere santagatesi. Il Porto dei Nebrodi, così come è stato ribattezzato, è l'opera che più di tutte potrà segnare il rilancio economico e turistico di Sant'Agata. Ospita la flotta peschereccia formata da: “motopescherecci” che sono barche dotate di una potenza tale da pescare anche nell'oceano, motobarche “varc36una” per la pesca costiera, barche più piccole “vuzzareddi” per la pesca locale. Al porto molte barche sono alla “fonda”, galleggiano ferme nell'acqua perchè sono ancorate alle “bitte” con le “gomene”. Le barche per devozione portano nomi di Santi, di persone care, di animali o di continenti. Anticamente sulle fiancate di alcune di esse erano dipinti animali, sirene, mostri marini e personaggi fantasiosi. Il “varo”o battesimo del mare è per i pescatori la cerimonia mediante la quale un'imbarcazione, appena costruita, viene fatta discendere per la prima volta in acqua. La cerimonia del varo è considerata di buon auspicio per una abbondante pesca.